mercoledì 3 giugno 2009

THE DAY AFTER


Purtroppo le notizie non sono buone come speravo.

La bancarella stava per essere annullata per cattivo tempo (direi anzi SCHIFOSO!), poi alla fine l'hanno fatta lo stesso, ma non c'era in giro nessuno e, vuoi anche il fatto che ormai sono passati due mesi dal terremoto e la gente non sente più l'urgenza di contribuire, le poche persone che sono passate hanno comprato ben poco. In tutto nemmeno 50 euro.

Mi dispiace davvero darvi questa notizia; avrei voluto che l'invenduto fosse completamente finito nelle case dei cremonesi, ma purtroppo non è così.

A questo punto occorre pensare a qualcos'altro, anche se mi rendo conto che, più il tempo passa, più è difficile riuscire a vendere tutto.

Ora chiedo a voi: cosa possiamo fare? Potrei sentire la Caritas se può organizzare a Cremona qualche evento benefico anche per altri motivi (fondi per leucemia, tumori, sclerosi multipla, ecc.). Lo scopo non sarebbe quello di partenza, ma sarebbe pur sempre nobile.

Altrimenti, attendo vostri commenti, pareri e suggerimenti.

Un saluto (un po' triste) a tutti.

Paola

9 commenti:

Paola ha detto...

Mi dispiace tanto, ormai la gente pensa di aver fatto abbastanza mentre purtroppo c'è ancora tanto da fare....fate come volete, tanto non è roba che va a male, nel senso che non c'è scadenza e può essere riproposta per qualsiasi altra iniziativa. Un abbraccio!! Paola

pat ha detto...

Non ti crucciare, hai fatto tanto e di più! L'invenduto ora potrà servire per qualunque altra vendita di beneficienza! Un carosaluto! Pat

Cicabuma ha detto...

Ma si Paola... Quello che è stato è stato!!!
Come dice anche Pat, l'invenduto può servire per raccogliere fondi per altre nobili cause... e gli oggetti non sono deteriorabili.
Grazie per tutto quello che hai fatto: Sei un angelo!
Un abbraccio
Francesca

Ilaria ha detto...

Ciao Paola, scusa il ritardo, ma in questi giornoìi sono full di cose da sbrigare...
Ogni iniziativa benefica è buona da parer mio, ma ti dico una cosa, dei miei oggetti che sono rimasti, mi farebbe piacere che tu ne scegliessi uno per te e lo tenessi.
Un regalo che viene dal cuore, per tutto ciò che hai fatto!
Un bacio carissima...

gloria ha detto...

Paola, quello che hai fatto è già tantissimo! Grazie di tutto!
Anch'io penso che ciò che è rimasto possa andare bene per qualunque altra buona causa.
Ciao
Gloria

PAOLA DECORARTE ha detto...

Vi ringrazio molto, ragazze, per le gentili parole... sì, è vero, abbiamo fatto tanto e direi che possiamo esser già contenti così.
Vedremo cosa si potrà fare con l'invenduto!
@Ilaria: grazie mille, sei gentilissima davvero! Conserverò più che volentieri un tuo ricordo!
A presto a tutti.
Un abbraccio

marinella ha detto...

Mi associo alle altre, hai fatto tantissimo, e di questo ti ringrazio. Per quanto riguarda l'invenduto, credo proprio che una qualsiasi buona causa vada più che bene.Baci

Ilaria ha detto...

Ciao cara, scusa se nn sono tornata prima, ma in quasti giorni ho avuto difficoltà ad entrare nei blog!
Sono veramennte felice che tu tenga un mio ricordo!
Sei stata assolutamente fantastica...
Un bacione!

Mony - Gatadaplar ha detto...

Carissima, va bene lo stesso... è che purtroppo ci si scorda in fretta delle difficoltà altrui, non credo per cattiveria, penso sia una specie di autodifesa... passata l'emergenza va tutto scemando, anche per colpa (frase fatta ma vera!!!) dei cronisti... lo scoop è ormai andato e non fa più notizia continuare a dire che c'è gente che dorme ancora in tenda... Giorni fa ho sentito una battuta che mi ha fatto rabbrividire... Una persona, in fila alla cassa in un super, ha detto ridendo che non vedeva più il problema dato che ormai è estate.... TI RENDI CONTO DI CHE CINISMO SIAMO CAPACI???!!!

L'altra notte c'è stato qui, a pochissimi chilometri da casa nostra, una bella scossetta, tanto per non farcene dimenticare... :(((

Per quanto mi riguarda, va benissimo vendere quelle bellissime opere d'arte anche per altri eventi benefici, ci mancherebbe!

Ancora un abbraccio e un bacione!

LinkWithin

Blog Widget by LinkWithin
Chi lavora con le mani è un operario, chi lavora con le mani e la testa è un artigiano, chi lavora con le mani, la testa e con il cuore è un artista. SAN FRANCESCO D'ASSISI